fbpx

Fondato dagli Ubaldini prima dell’anno Mille, è considerato uno dei più antichi della Toscana. Chiesa e convento furono riedificati su disegno dell’architetto Michelozzo per volontà di Cosimo de’ Medici.
(Foto 50) Come in Cafaggiolo e nel Castello del Trebbio, anche in questo complesso l’architetto unì le caratteristiche del nuovo gusto rinascimentale all’esperienza della tradizione architettonica medievale; così nell’edificazione del coro utilizzò costoloni, volte e cornici di chiaro riferimento tardo gotico, mentre nel chiostro, nel cenacolo e nelle celle dei monaci operò in linea con i modelli della nuova architettura maturata in ambiente cittadino.
(Foto 52) Molti furono i doni preziosi lasciati dai primi Medici al convento, e fra tutti emerge il prezioso crocifisso ligneo attribuito a Donatello, oggi conservato nel piccolo museo di arte sacra.

Categories:

Tags:

No responses yet

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

quindici + tredici =